Se pensi di passare delle vacanze all’insegna del relax, tranquillità, tradizioni, montagne impervie e natura selvaggia… L’Abruzzo è il luogo ideale. Una terra ricca di storia e di usanze tramandate nei secoli. Dei brevi consigli su alcuni itinerari da non perdere, il nostro staff sarà lieto di dare tutte le informazioni utili.

Parco Nazionale della Majella e monti della Laga

Monti, neve e mare di S. Falcone

Il Parco Nazionale della Majella venne istituito nel 1991 insieme al Parco del Gran Sasso-Laga e si estende nella tra le province di Chieti, Pescara e L’Aquila. Come prima escursione consigliamo di raggiungere il vicinissimo comprensorio sciistico Passolanciano-Majelletta (35 Km),dove troviamo grandi piste attrezzate con una seggiovia e otto skilift che servono ben sedici piste di discesa con tutti i livelli di difficoltà, due nere, nove rosse e otto blu. ammirare uno spettacolare panorama che dalle piste innevate porta fino al mare Adriatico…. Panorama mozzafiato! Il comprensorio sciistico di Passolanciano- Majelletta si sviluppa all’estremità settentrionale del crinale principale della Majella ed è uno dei più spettacolari fra quelli della nostra regione per via del fantastico panorama che offre agli sportivi. Gli ampi scenari che spaziano dalle piste fino al mare Adriatico, le larghe piste e soprattutto l’ottimo innevamento sono le caratteristiche principali del bacino sciistico che sale dai 1306 metri di Passolanciano fino ai 1995 metri della cima della Majelletta. La seggiovia e gli otto skilift della zona servono ben 16 piste di discesa ripartite tra tutti i diversi livelli di difficoltà: due nere, nove rosse, cinque blu. Vengono poi tracciati anche due ampi anelli per lo sci di fondo. Il comprensorio è diviso in 2 stazioni: Passo Lanciano (da 1300 a 1650 m),con piste che si snodano in una folta faggeta, e la Majelletta (da 1650 a 1995 m.), con attrezzato snow park e ampi campi di neve per carving, fondo, sci-alpinismo.

Caramanico – Sant’Eufemia – Passo San Leonardo – Pacentro

pacentro

Questo itinerario che attraversa la comunità montana della Majella e del Morrone è estremamente interessante e pieno di curiosità. Dall’Hotel raggiungere Caramanico Terme (613 mt s.l.m.) percorrendo la famosa Tiburtina per circa 15 Km prima di cominciare a salire. Il paese tranquillo nel suo tipico ambiente appeninico, è famoso per le sue storiche Terme che da secoli richiamano turisti. Inoltre qui si può ammirare la valle del fiume Orfento, una delle prime aree protette d’Abruzzo dove i suoi numerosi sentieri escursionistici rendono questa zona davvero incantevole. Da Caramanico si raggiunge Sant’Eufemia a Majella(750mt s.l.m.) uno splendido e affascinante paese interamente immerso nel Parco Nazionale della Majella e grazie a questa collocazione che si avvia ad essere uno delle principali mete del turismo montano. Passo San Liberatore (1282 mt s.l.m.) è la tappa più alta di questa proposta dove grazie alle abbondanti nevicate invernali, pur non trovandosi a quote eccessive, è amata da chi preferisce lo sci di fondo e lo sci-alpinismo. Infine scendendo dal versante Sulmontino si raggiunge il paese di Pacentro (690 mt s.l.m.), al quinto posto tra i borghi più belli d’Italia. Che dire del paese che diede i natali agli avi di louise Veronica Ciccone, in arte la Star Madonna, una zona di rara bellezza dove i monti la stringono tanto da limitarle il suo orizzonte, ma in compenso la riparano dalla furia dei venti. Un borgo tutto da vedere pieno di storia e di monumenti.

Campo Imperatore

campo imperatore

L’altopiano di Campo Imperatore, posto ad una quota variabile tra i 1500 mt s.l.m. e i 1900 mt s.l.m., è lungo circa venti chilometri con una larghezza che varia tra i tre e i sette chilometri. Le cime che circondano quello che viene comunemente chiamato il “piccolo Tibet” sono tra le più alte e affascinanti di tutto l’Appennino, una su tutte il Corno Grande che con i suoi 2912 mt s.l.m. domina tutte le altre presenti. Tra le curiosità di questo posto è l’omonimo Albergo che nella camera 220 (in precedenza camera 201) fu detenuto prigioniero Benito Mussolini, la camera perfettamente conservata è oggi un piccolo museo visitato da turisti e nostalgici. L’altopiano è connesso ai principali borghi delle vicinanze, tra tutti Assergi, Calascio, Catel del Monte e Santo Stefano di Sessanio… tutti meritevoli di una visita. Per raggiungere questi veri e propri paradisi sarà necessaria un’oretta di viaggio in auto.

Scanno

foto-lago-di-scanno

Borgo antico di notevole interesse storico culturale è celebre per il suo lago, posto a 922 mt s.l.m. che rimane la principale attrazione. Scanno è anche nota per essere Città dei Fotografi, un luogo molto apprezzato da tanti autori italiani e stranieri che grazie ai suoi inconfondibili scorci e la sua gente è stata luogo per tutto il novecento di tanti famosi scatti realizzati. Uno tra tutti è la fotografia di Mario Giacomelli, un guru della foto in bianco e nero degli anni ‘60, ad entrare a far parte come unica foto italiana della prestigiosa collezione di opere fotografiche del “Museum of Modern Art” di New York. Un vero e proprio paese da favola dove le tradizioni, i costumi delle genti e le originalissime botteghe orafe ne fanno una tappa immancabile per chi vuole visitare l’Abruzzo. Per giungere in questo meraviglioso angolo di paradiso è obbligatorio attraversare una delle più suggestive strade che attraversano l’Abruzzo, le Gole del Sagittario, una spettacolare canyon scavato dalla millenaria erosione del fiume omonimo, oggi captate da una centrale idroelettrica. L’area rappresenta una delle aree naturalistiche più importanti d’Europa e dall’Hotel bastano un’oretta abbondante in auto.